Giovedi, 27 giugno 2019

Tar su Elezioni Basilicata:ricorso accolto

tar

Il Tar della Basilicata, nell'udienza presieduta dal giudice Giuseppe Caruso, ha accolto il ricorso del M5S, (presentato da Antonio Mattia, candidato presidente unitamente ai consiglieri regionali pentastellati Gianni Leggieri e Gianni Perrin) contro il decreto della Giunta della presidente facente funzioni, Flavia Franconi, con cui la data delle elezioni regionali era stata posticipata al 26 maggio 2019 in accorpamento con le lezioni Europee. 

In Basilicata, per il rinnovo della presidente della Giunta e del consiglio regionale di sarebbe dovuto votare a novembre 2018.

“Non contemplando nè la legge regionale di riferimento nè quella statale di cornice n 165 del 20014 alcuna previsione che imponga la celebrazione delle elezioni regionali in concomitanza con quelle del Parlamento europeo-scrive il Tar- risulta preclusa l’eterointegrazione di tale quadro disciplinare con quanto previsto dal ripeturo articolo 7 del dl 98 del 2011 derivandone l’illegittimità del decreto di indizione dei comizi elettorali che di tale ultima disposizione ha fatto diretta applicazione, travalicando gli stretti limiti temporali imposti dalle norme effettivamente applicabili”.

“La Regione- scrivono ancora i giudici del Tar -intimata dovrà provvedere a convocare nel termine utile di venti giorni dalla comunicazione della presente decisione i comizi per le elezioni  del Presidente della Giunta regionale e del Consiglio Regionale della Basilicata da tenersi nella data utile più ravvicinata”. Data che dovrebbe essere individuata tra il 17 e il 30 marzo prossimi. 

In Basilicata, per il rinnovo della presidente della Giunta e del Consiglio regionale di sarebbe dovuto votare a novembre 2018 ma il provvedimento assunto dalla Giunta aveva fatto slittare la data del voto a maggio 2019.

Non accolto il ricorsi presentato dal coordinatore di Idea Basilicata, Francesco Pagano ritenuto inammissibile. In attesa di essere deciso il ricorso presentato dal consigliere comunale di Ruoti, Franco Gentilesca unitamente all’associazione Ancac.

(da Basilicata 24.it)

******************************************************

Tar su Elezioni Basilicata, Liuzzi (M5S): "I lucani si riappropriano della democrazia vilipesa"

"Il tentativo di restare aggrappati alla poltrona oltre ogni limite consentito dalla legge è miseramente fallito: il Tar ci ha dato ragione dicendo che occorre andare senza indugio a nuove elezioni e ripristinare la sovranità popolare come affermato a chiare lettere nel testo della sentenza", così in una nota Mirella Liuzzi, segretario di presidenza e parlamentare M5S alla Camera, a margine della sentenza con cui il Tar ha accolto il ricorso del M5S contro il decreto della vice presidente della giunta regionale con cui erano state indette le elezioni regionali per il 26 maggio in accorpamento con le Europee.

"La Basilicata finalmente potrà riappropriarsi della democrazia vilipesa, il Tar ha stabilito che la Regione dovrà convocare entro 20 giorni i comizi elettorali quindi si preannunciano elezioni a Marzo. Usciamo finalmente da un tunnel durato sette lunghi mesi in cui un'intera Regione è rimasta ostaggio di un ex governatore, di un partito e dei suoi tristi scandali. La parola torni al popolo!", conclude Liuzzi.

*******************************

ROSPI M5S: VA RIPRISTINATA CON URGENZA LA DEMOCRAZIA IN BASILICATA

"Il TAR Basilicata ha accolto il ricorso presentato dal nostro candidato Presidente Antonio Mattia. E' una notizia che accolgo con entusiasmo anche perché lo avevo detto più volte che la proroga fino a maggio era illeggittima, sollecitando, durante i lavori parlamentari, l’intervento del Ministro degli Interni per consentire al popolo lucano di votare entro il 20 gennaio.” Dichiara il Deputato Gianluca Rospi del M5S. "Ci auguriamo tutti ora che la Presidente facente funzioni Franconi fissi quanto prima una nuova data per consentire ai
cittadini lucani di eleggere un nuovo Governo Regionale, che faccia, conclude il parlamentare, finalmente gli interessi del popolo lucano e non della casta Pittelliana.” Conclude l’On. Rospi

 

 

Redazione on line
10 gennaio 2019 18:15