Martedi, 11 dicembre 2018

Lettera ai giovani dell’Arcidiocesi di Matera – Irsina

 

A conclusione del Sinodo dei giovani per l'anno pastorale 2018/19 

«Gesù incontra e parla con i giovani...oggi» 

Dal 03 al 28 ottobre si è tenuta a Roma la XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema:

 «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale»Ciao, ragazzi! Come va?

Ogni giorno, camminando per le strade o venendo nelle vostre comunità di appartenenza, vi vedo, vi incontro, scambio due parole, una battuta e a volte mi soffermo a parlare più a lungo. Con tanti tra voi abbiamo vissuto momenti di confronto nelle vostre scuole insieme ai vostri prof. e ai Dirigenti scolastici, nell'Università Cattolica di Milano e nell'Ateneo di Bari.

Sarebbe bello se riuscissi a ricordare tutti i vostri nomi, tanti sono memorizzati e i vostri volti non mi sono estranei.

Ecco perché vi scrivo

Non so se qualcuno di voi ha sentito parlare del Sinodo dei giovani che si è appena concluso. A tale proposito, vi riferirò più avanti ma prima voglio spiegarvi il motivo di questa lettera con la quale intendo comunicare, ancora una volta, con voi.

C'è una frase nel Vangelo che mi colpisce sempre, quando penso al mio ruolo di vescovo: compito che il Signore mi ha affidato attraverso la Chiesa, nella persona di Papa Francesco. La frase è questa: «Gesù vedendo le folle ne sentì compassione, erano stanche e sfinite come pecore senza pastore» (Mt 9,35-10,1.6-8).

Nel suo andare da un posto all'altro, Gesù ormai conosceva i volti di quanti gli andavano incontro o lo seguivano. Li coglieva così bisognosi interiormente: spesso gli apparivano sbandati, alla ricerca di una meta precisa. Era un momento particolare della loro vita: bisognosi di punti di riferimento. E quando pensavano di averli trovati, rimanevano fortemente delusi.

Gesù è diverso: sono attratti dal suo modo di essere, di rapportarsi con la gente, dal suo dire così semplice, liberatorio e chiaro. E' l'esatto contrario di quanti vendono paradisi artificiali. Vendono fumo, si, fumo che disorienta e che conduce nel buio del non senso.

Alla luce di queste considerazioni, se hai voglia di leggermi, vorrei parlarti e raccontarti come Gesù incontra e si relaziona con i giovani come te. Li incontra nel loro stato di vita, entrando nelle loro ricchezze interiori, nei loro deserti, nelle loro paure, nella loro ricerca di verità per il bisogno che hanno di chiarirsi tanti dubbi.

Per ognuno di loro non una parola di giudizio o di condanna. Solo parole di comprensione, illuminazione, invito a seguirlo, resurrezione a vita nuova.

La storia di Gesù inizia con due giovani speciali

E pensare che la storia di Gesù ha avuto inizio con altri due giovani: Maria e Giuseppe. Dio ha chiesto il loro assenso, la loro partecipazione diretta e completa ad un progetto d'amore a favore di tutta l'umanità.Due giovani, Maria e Giuseppe, che si ritrovano improvvisamente catapultati in un progetto molto più grande di quello a cui tendevano attraverso il matrimonio. Ed è proprio a partire da questa unione matrimoniale che Dio interviene per chiedere ai due giovani di "non temere" e dire "si" al progetto d'amore più grande che lui ha per l'umanità.

Dio chiede a Maria di fare spazio nella sua carne perché lui stesso diventi carne, consacrandola Madre di Gesù: "Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te" (Lc 1,30ss). Dio chiede a Giuseppe di essere padre di un figlio che non gli appartiene e che è il suo Signore. Deve essere padre putativo: "Giuseppe, non temere di prendete con te Maria, tua sposa" (Mt1, 20ss).

Non è stato facile per nessuno dei due né capire né dire subito "eccomi", se non dopo lotte interiori, dialoghi pieni d'interrogativi e dubbi, sonni turbati. Nella lotta spirituale si è accorciata sempre di più la distanza tra l'umano e il divino, anzi è stata completamente annullata.

E' ciò che Dio vuole fare con ciascuno di noi per donarci un bene superiore a quello che noi progettiamo per la nostra vita. Perché Dio crede che tutti possiamo fare di più, ma soprattutto voi giovani, potete dare di più.

Ricordate la canzone di Morandi - Ruggeri - Tozzi? "Cosa ti manca cosa non hai cos'è che insegui se non lo sai se la tua corsa finisse qui forse sarebbe meglio così. Ma se afferri un'idea che ti apre una via e la tieni con te o ne segui la scia risalendo vedrai quanti cadono giù e per loro tu puoi fare di più. Si può dare di più perché è dentro di noi si può dare di più senza essere eroi come fare non so non lo sai neanche tu ma di certo si può dare di più. Perché il tempo va sulle nostre vite rubando i minuti di un'eternità. E se parlo con te e ti chiedo di più è perché te sono io e non solo tu si può dare di più perché è dentro di noi si può osare di più senza essere eroi come fare non so non lo sai neanche tu ma di certo si può dare di più. Come fare non so non lo sai neanche tu ma di certo si può dare di più".

Alle luce di queste considerazioni cerchiamo di riflettere insieme con serenità ma anche con semplicità.

Andiamo per gradi.

Avete letto qualcosa sul Sinodo dei giovani?

Dal 03 al 28 ottobre si è tenuta a Roma la XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».

Papa Francesco nel suo discorso che ha dato inizio al Sinodo ha detto: "Che lo Spirito ci dia la grazia di essere Padri sinodali unti col dono dei sogni e della speranza, perché possiamo, a nostra volta, ungere i nostri giovani col dono della profezia e della visione; ci dia la grazia di essere memoria operosa, viva, efficace, che di generazione in generazione non si lascia soffocare e schiacciare dai profeti di calamità e di sventura né dai nostri limiti, errori e peccati, ma è capace di trovare spazi per infiammare il cuore e discernere le vie dello Spirito".

A conclusione del Sinodo, sempre Papa Francesco, rivolgendosi a voi, ha chiesto scusa: "Vorrei dire ai giovani, a nome di tutti noi adulti: scusateci se spesso non vi abbiamo dato ascolto; se, anziché aprirvi il cuore, vi abbiamo riempito le orecchie...Come Chiesa di Gesù desideriamo metterci in vostro ascolto con amore, certi di due cose: che la vostra vita è preziosa per Dio, perché Dio è giovane e ama i giovani; e che la vostra vita è preziosa anche per noi, anzi necessaria per andare avanti".

I due giovani di Emmaus

C'è un episodio significativo che i vangeli ci presentano e che coinvolge due giovani, suoi discepoli, subito dopo la crocifissione e morte di Gesù, ricordati come i "Discepoli di Emmaus". A partire da questo brano, il Sinodo ha puntato la sua attenzione su tre aspetti fondamentali. Tre atteggiamenti, movimenti, modi di dire che sono vicini non solo a voi giovani ma a tutti, anche al vescovo e ai preti. Li presento sinteticamente.

v «Ed ecco, in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio di nome Emmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro» (Lc 24,13-15).

In questa prima parte, attraverso il versetto "Camminava con loro" (Lc 24,15), ci viene presentata questa scena stupenda. I due giovani discepoli, delusi e tristi, camminavano e "conversavano", ripiegati su se stessi "in discesa". Gesù, che loro non riconoscono, si accostò e "camminava con loro". In questo suo camminare colpisce l'atteggiamento di Gesù: vuole ascoltare e capire questi giovani. Solo in un secondo momento cerca di illuminarli. Questa è la vera sfida. Seguendo l'esempio di Gesù, è giunto il momento in cui dobbiamo ascoltarvi, cogliere le vostre ricchezze e sofferenze. Avete molto da dire a noi adulti abituati a parlare di voi ma non a voi. Usiamo spesso un linguaggio che non vi appartiene, perchè vivete in un contesto sociale e culturale che vi abbiamo consegnato ma che, evidentemente, non comprendiamo.  

Gesù non ha paura di fare il tratto di strada della vita in "discesa". Se si vuole camminare con gli altri, ci sono momenti in cui questo tratto è necessario che si faccia. Diversamente resteremo in alto, sul piedistallo della storia, giudicando e puntando il dito.v «E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: "Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto". Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista» (Lc 24,27-31).

In questa seconda parte, attraverso il versetto, "Si aprirono loro gli occhi" (Lc 24,31), riconobbero Gesù sedendosi con lui attorno a un tavolo e condividendo il "pane della vita", l'Eucaristia.

Voi, carissimi giovani, non volete che nessuno oscuri la vostra vista. Non dovete permetterlo a nessuno. I vostri occhi devono essere sempre vigili e pieni di luce, anche quando le delusioni e i tradimenti dei vostri ideali affondano come lame nei vostri sentimenti, nei progetti che crollano.

Gesù Cristo, pur essendo Dio, si è fatto uomo e, pur agendo da Dio a favore degli uomini, ha subito torti, ingiustizie, fino alla morte ignominiosa e miserevole sulla croce. Tradito da tutti, anche dalle persone più care, lasciato solo al suo destino, è stato capace di portare il peso della croce, di una storia "altra", decisa per lui.

Ma ciò che Gesù incarnava non era solo un ideale per il mondo, per l'umanità intera, per i giovani. Ha portato dentro di sè l'umanità, fatta di carnefici e di innocenti, di prepotenti e cuori pieni d'amore, di guerrafondai e costruttori di pace, di... L'apparente sconfitta del momento diventa, con la risurrezione, distruzione della morte, di ogni morte materiale e spirituale.

Voi, giovani, siete nel suo cuore, quindi in quello della Chiesa!

Qui è il cuore della vita umana e divina nello stesso tempo. Giustamente durante il Sinodo è stato detto: «La giovinezza è un periodo originale e stimolante della vita, che Gesù stesso ha vissuto, santificandola...Con la loro freschezza e la loro fede i giovani contribuiscono a mostrare questo volto della Chiesa, in cui si rispecchia «il grande Vivente, il Cristo eternamente giovane». Non si tratta quindi di creare una nuova Chiesa per i giovani, ma piuttosto di riscoprire con loro la giovinezza della Chiesa, aprendoci alla grazia di una nuova Pentecoste».

E' bello confrontarsi con Gesù, giovane tra i giovani! Giovane che incontra altri giovani, sta con loro, li ascolta, li cerca. Avremo modo di prenderne in considerazione alcuni più avanti.

v «Ed essi dissero l'un l'altro: "Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?". Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: "Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!". Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane» (Lc 24,32-35).Questa è la terza parte, intitolata "Partirono senza indugio" (Lc 24,33), nella quale la vita di questi due giovani, dopo l'incontro con Gesù, ritrova ardore, fiducia, speranza. L'entusiasmo, la luce e la luce negli occhi li spingono a risalire con determinazione quella strada. La forza della vita ritrovata li induce a comunicare quanto hanno visto e stanno sperimentando. Il giovane Cristo, risorto e vivo, li fa sentire motivati, risorti, propositivi, pronti a rimboccarsi le maniche e agire negli ambienti quotidiani nel suo nome.

Voi giovani siete capaci di grandi cose. Vi scoraggiate ma sapete reagire con forza, soffocate la vostra rabbia pur rimanendo saldi nelle vostre convinzioni. In non pochi casi, purtroppo, il ripiegamento su se stessi e la chiusura portano a conseguenze anche letali.

Solitudini, incomprensioni, mancanza di affetto, discriminazioni offuscano gli orizzonti di una vita più bella, vera, autentica. La prigione della droga, del divertimento come forma di evasione e non di festa, la ricerca del piacere, dell'avere tutto e subito, spengono la luce dell'aurora e si abbandonano al tramonto come unica soluzione ai problemi della vita.

Siete invitati a raccogliere scelte coraggiose per un cambiamento che nasca da una conversione spirituale. Soddisfare le esigenze più profonde, quelle spirituali, aiuta a stare anche meglio con se stessi.

Come i due giovani di Emmaus, infiammati dalla potenza dell'amore, siete capaci di mostrare un volto nuovo di società. C'è bisogno che entriate, partecipando a scuole di formazione opportune, nel mondo cooperativistico, sindacale, politico. Non basta la buona volontà: un politico deve conoscere, desiderare essere immerso in una realtà che vuole il bene comune e non personale o di partito. C'è bisogno che rendiate la Chiesa giovane, partendo dall'incontro personale con Gesù, meno arroccata nei suoi ritualismi religiosi e più aperta alla dimensione dell'umano. Una Chiesa che ama servire e non essere riverita e servita. Ciò sarà possibile se, alla luce del Vangelo, vivremo la nostra appartenenza a Cristo e alla Chiesa.

1.     Altri giovani incontrati da Gesù

Alcuni dei personaggi che estrapolo dai Vangeli non sono proprio dei giovani. Il loro modo di porsi davanti a Gesù e le loro domande hanno un carattere tipicamente giovanile, molto simile al vostro. Per nulla superficiali, anzi profondi e desiderosi di verità, di capire la propria esistenza.

1.1.         Nicodemo: Quel che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito (Gv 3,1-21).

L'evangelista Giovanni ci presenta Nicodemo che cerca Gesù. Rappresenta tutti i cristiani, in particolare voi giovani. E' religioso, tuttavia è alla ricerca di quella luce interiore da cui sono stati invasi i due giovani di Emmaus.

Nicodemo non si accontenta delle sue tradizionali conoscenze e, probabilmente, avverte la stanchezza di una religiosità fatta di riti ripetitivi che non parlano più, non scaldano il cuore.

Nicodemo avverte un bisogno umano e spirituale forte: rinascere a vita nuova. Respirare, gustare, interiorizzare la vita spirituale è esigenza di un rinnovato cammino.

Voi giovani avvertite questo bisogno di vita nuova. I giovani l'hanno sempre cantato. Penso a un grande della musica italiana come Claudio Baglioni, quando canta: «Sei tu che spingi avanti il cuore ed il lavoro duro di essere uomo e non sapere cosa sarà il futuro. Sei tu nel tempo che ci fa più grandi e soli in mezzo al mondo, con l'ansia di cercare insieme un bene più profondo. E un altro che ti dia respiro e che si curvi verso te, con un'attesa di volersi di più e non capir cos'è».

Penso ad Antonello Venditti che dice: «E quando penso che sia finita, è proprio allora che comincia la salita. Che fantastica storia è la vita».

Ma quanto sono belle le parole dei Modà quando cantano "Come l'acqua dentro il mare": «La vita ci consegna le chiavi di una porta e prati verdi sopra i quali camminare. Puoi correre o fermarti puoi scegliere tra i frutti quali cogliere o lasciare maturare. Vietato abbandonare il sogno di volare ma per quello c'è bisogno dell'amore. Io posso solo dirti non temere di sbagliare perché aiuta le persone ad imparare e sappi che tra il bene e il male alla fine vince il bene».E che dire di Marco Mengoni, nella sua stupenda "Pronto a correre"? Riprendo solo alcune frasi: «troppe volte ho scelto te... Non sono immobile. Grazie per avermi fatto male, non lo dimenticherò. Grazie io riparto solo controvento ricomincerò...". "Grazie per avermi fatto male, non lo dimenticherò. Sento nelle vene vita che si muove ricomincerò. Sarò... pronto a correre per me».

Cambiano i tempi, le stagioni ma l'uomo resta sempre proteso verso l'infinito. Resta con i suoi bisogni più profondi. Nicodemo, oggi, si chiama Claudio, Antonello, Modà, Marco,...,  mettici il tuo nome.

Nicodemo va da Gesù di notte. Preferisce andare in un posto, probabilmente lontano dalla città, ma soprattutto lontano dagli occhi dei suoi amici. Nicodemo è cosciente che la maggior parte dei suoi amici è contro la predicazione di Gesù, così innovativo nel suo dire e fare. Non hanno bisogno di lui. E' evidente un atteggiamento pregiudiziale, quello che tanti giovani, a torto o a ragione, hanno oggi nei confronti del sacro e della Chiesa.

Nicodemo, in mezzo a tanti giovani, è rimasto affascinato da Gesù, ma ha paura di mostrarlo. Tutti si scaglierebbero contro di lui, lo deriderebbero. Eppure avverte che Gesù insegna cose che vanno dritte al cuore. Come si fa a rimanere insensibili?

Nicodemo, nonostante le sue paure, va a trovare Gesù per uscire dal buio della notte ed entrare nella luce. Sente che deve rinascere di nuovo ma dallo Spirito. Solo così l'amore divino che lo ha creato troverà abitazione in lui per parlare un linguaggio nuovo. Qui c'è il segreto della felicità. «Le previsioni della mia felicità è un dialogo intimo con noi stessi e con la nostra parte più fragile che poi è la nostra parte migliore - racconta Bungaro - Avere il coraggio di essere felici perché la felicità non è una meta da raggiungere ma una predisposizione. 'Se potesse la guerra fare l'amore' è una richiesta di pace verso la nostra guerra interiore, abbracciando profondamente tutto quello che siamo e che siamo stati senza giudicarci».

Nicodemo scopre che il segreto della felicità è sperimentare di sentirsi amati da un Amore che non finisce e che rende la vita feconda nel restituire l'amore.

1.1.         La Samaritana: Signore, dammi quest'acqua, perché io non abbia più sete (Gv 4,5-42).

Ricordo benissimo la sensazione che provai anch'io al pozzo di Sicar in Samaria. Attingendo l'acqua, avvertii la fatica nel tirare il secchio con la carrucola, perché il pozzo è molto profondo, ma anche la gioia di gustare un sorso d'acqua fresca in una zona molto calda.

Davanti a questo pozzo ho ripensato all'episodio evangelico dell'incontro di Gesù con la samaritana. L'ho immaginata giovane, nonostante avesse fatto già tante esperienze.

Sia Gesù che la donna arrivano al pozzo in un'ora insolita. A mezzogiorno! Di solito si va la mattina presto, prima che il sole sia alto e il caldo aumenti. Gesù arriva dopo un lungo viaggio e rimane solo, quasi ad attendere la donna. La samaritana quasi sicuramente va a quell'ora per non incontrare le altre donne che l'avrebbero additata come prostituta, una poca di buono.

Tra Gesù e la donna c'è il pozzo, quindi l'acqua. Attraverso il simbolismo dell'acqua, carissimi giovani, Gesù vuole aiutare la giovane donna ad approfondire e scoprire il senso più profondo della vita, partendo da un bisogno fisico: la sete. Forse mai un uomo aveva chiesto a lei una cosa del genere. Tutti cercavano il suo corpo da usare per soddisfare le proprie passioni. Aveva avuto sette mariti e quello con il quale stava non era suo marito. Per dire: aveva avuto tanti uomini, senza legarsi mai a nessuno.

In quante storie sbagliate si può incorrere nella vita, soprattutto quando si è giovani! Quante ferite lasciano queste storie! E quando si pensa di aver raggiunto la serenità, un'ulteriore delusione fa ricadere nella sofferenza. L'amore è molto di più della passione, dell'attrazione fisica, del bisogno di fisicità, del godimento sessuale.

Ron, nella "Canzone dell'acqua", dice: «Acqua di doccia allagata che lava via tutti i peccati...acqua di ogni battesimo».

E sempre i Modà, nella canzone "Come l'acqua dentro il mare", dicono: «Ricorda che l'amore a volte può far male ma del mio tu non ti devi preoccupare perché non può finire come l'acqua dentro il mare. Amore ascolta bene, non smetter di sognare
perché i sogni sono le ali per volare».

Ci sono dei "pozzi", dove, soprattutto quando si è giovani, si va ad attingere acqua ogni giorno, perché si ha sete di dialogo, di verità che rende liberi. Si ricercano risposte ai tanti dubbi che ci accompagnano per lunghi tratti della vita. Non è per nulla facile soddisfare il bisogno di cose vere, autentiche. Spesso più che acqua viva che zampilla, come risposta alla nostalgia della vita vera, viene offerto un cocktail di ingredienti vari che rubano la dignità, mortificano la felicità, anestetizzano la gioia della vita.

Il dialogo tra Gesù e la giovane Samaritana svela un segreto che ognuno di noi conosce ma che difficilmente ammette: la paura del bisogno, della debolezza, della fragilità. Gesù svela tutto questo rivelandosi bisognoso. Pur essendo coscienti di essere deboli, ostentiamo sicurezza e forza, mortificando la parte più fragile della nostra umanità.

In questo dialogo, Gesù riesce ad entrare nel cuore della giovane donna, ormai predisposta al dialogo. Ascolta le esperienze faticose della sua vita senza condannarla: confessione che predispone ad accogliere l'acqua viva, la forza straordinaria dello Spirito Santo. La giovane fa una scoperta meravigliosa: non ha mai avuto alcun marito, nessuno sposo. Davanti a lei c'è il vero Sposo, Gesù, che la ama nella novità dello Spirito, fonte di acqua viva.

La nostra "giovane" abbandona ai piedi di Gesù la sua brocca. Rappresenta il suo passato. Ora che ha ricevuto da Gesù l'acqua viva, taglia definitivamente con il suo passato segnato dal peccato. Una gioia improvvisa la spinge ad andare in città per annunciare la singolarità dell'incontro e della sua esperienza.

Lei, giovane sposa, immagine della Chiesa peccatrice ma santa, è la prima donna che riceve da Gesù un segreto: lui è il Messia. E non a caso subito dopo diventa la prima "discepola" che evangelizza la sua terra, la Samaria. Vince la paura di essere giudicata: ormai è una donna libera, ha ritrovato la sua dignità, è nuova nel corpo e nello spirito.

Insieme a Noemi forse direbbe: «Vuoto a perdere - Quanta vita che ho vissuto inconsapevolmente... Quanta vita che ho buttato, che ho buttato via per niente...». Ma ora non è più così. Quanto è successo alla Samaritana continua a succedere a tanti giovani anche oggi. Sentite questa testimonianza dell'attrice Beatrice Fazi«Per me l'approdo alla fede, più che un atto di coraggio o un gesto dettato dalle mie forze, è stato un salto determinato dalla consapevolezza di essere arrivata al capolinea: avevo raggiunto tutti gli obiettivi che mi ero prefissa, ma non ero felice. La fede è stato quindi l'ultimo tentativo, quando tutte le mie strategie erano fallite. Prima della conversione la mia sete non trovava consolazione, mi dibattevo come una mosca dentro una campana di vetro, mentre in Cristo ho trovato una risposta a tutta la mia vita. E Cristo l'ho incontrato nella Chiesa».

1.2.         Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto (Lc 7,1-10);  Ragazzo, dico a te, alzati (Lc 7,11-17)

L'evangelista Luca ci descrive due incontri straordinari che Gesù fa lungo la strada. C'è in tutti e due i casi puzza di morte. Riguarda la storia di un giovane, servo del Centurione romano e di un adolescente di 12 anni.

E' difficile accettare la sofferenza di una persona cara, soprattutto se giovane. Figuriamoci la morte di un adolescente. Non c'è situazione che Gesù non incontri nella sua vita terrena. Entra nelle feritoie del cuore umano e non rimane insensibile al dolore o sofferenza degli altri. Il suo viaggio per le strade della vita indica la sua presenza nella storia dell'uomo.Nel primo caso c'è una supplica da parte del Centurione che riconosce la propria indegnità, chiedendo a Gesù la guarigione del suo servo. E' la stessa espressione che usiamo durante la S. Messa, prima di ricevere la comunione: "O signore, non son degno che tu entri nella mia vita, ma dì soltanto una parola e l'anima mia sarà guarita". Nel secondo caso è Gesù che si avvicina alla bara di questo giovinetto, figlio unico di madre vedova.

Quanta tristezza!

Quante volte anche noi di fronte a situazioni di sofferenza di un familiare o amico abbiamo supplicato Dio chiedendo la grazia della sua guarigione. Ci siamo trovati improvvisamente a pregare senza rendercene conto, sperando contro ogni speranza. Eppure non sempre siamo stati esauditi e ci chiediamo: se Gesù Cristo esiste perché non è intervenuto? Perché non ha guarito anche lui, come dicono i vangeli?

Ricordo: una sera, mentre rientravo a casa con l'auto, improvvisamente mi fermai perché dall'altra parte della corsia c'era una macchina sbandata. In piedi un uomo pieno di sangue, a terra il corpo senza vita di una donna, in ginocchio un giovane che pregava chiedendo a Dio che salvasse quella donna ormai senza vita. Una scena che non dimentico. Pregai in silenzio e benedissi quel corpo inerme. Ancora una volta anche io mi chiesi: "Dio mio perché"?

Sentite quanto è vera questa testimonianza di uno scrittore di fantascienza e saggista britannico, C. S. Lewi,: E intanto dov'è Dio? Di tutti i sintomi questo è uno dei più inquietanti. Quando sei felice, cosi felice che non avverti il bisogno di Lui, cosi felice che sei tentato di sentire le sue richieste come un'interruzione, se ti riprendi e ti volgi a lui per ringraziarlo e lodarlo, vieni accolto (questo almeno è ciò che si prova) a braccia aperte. Ma vai da Lui quando il tuo bisogno è disperato, quando ogni altro aiuto è vano, e che cosa trovi? Una porta sbattuta in faccia, e il rumore di un doppio chiavistello all'interno. Poi, il silenzio (...). Che cosa significa? Perché il Suo imperio è cosi presente nella prosperità, e il Suo soccorso cosi totalmente assente nella tribolazione?...Ho cercato di spiegare alcuni di questi pensieri a C. oggi pomeriggio. Mi ha ricordato che la stessa cosa sembra essere accaduta a Cristo: «Perché mi hai abbandonato?». Lo so. Questo la rende più facile da capire?"

Dopo la guarigione del servo, immagino una scena di gioia: quelli che seguivano Gesù,  felici,  cantavano e lodavano Dio per quello che avevano visto. Questo fiume di gioia improvvisamente si scontra con un fiume di tristezza e di lacrime: il corteo funebre dell'adolescente. Che strazio! E' l'incontro tra la vita e la morte, tra la gioia e il dolore. Due stati d'animo contrastanti ma leggibili sul volto di Gesù.

Senza che gli venga fatta alcuna richiesta, fa fermare il corteo, tocca la bara e dice: "Ragazzo, dico a te: alzati". Il ragazzo risorge e torna nelle braccia della madre. Le lacrime di dolore si trasformano, come per incanto, in lacrime di stupore, di gioia.

Anche noi vorremmo che le cose andassero sempre così.

Cosa impariamo da questi due fatti straordinari? Il primo corteo rappresenta coloro che hanno avuto tanto dalla vita. Sono le persone che dovrebbero riconoscere che quello che hanno è frutto dell'amore di Dio. Persone che non dovrebbero sbandierare la propria gioia davanti alla sofferenza di altri, bensì esprimere compassione come Gesù: "Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!»". Spesso, purtroppo, si fa l'amara esperienza, nei momenti di bisogno, di rimanere soli: anche gli amici, quelli che tu ritieni amici, si dimenticano di te o fanno finta di non sapere o non vedere.Ma alla fine i due cortei diventano uno solo e "glorificavano Dio": il popolo eletto, Israele e pagani stanno insieme.

Carissimi giovani, pensate a tutte quelle volte che vi siete trovati a combattere contro le tenebre, oppure quando avevate deciso che era meglio mollare tutto. Ci sono momenti in cui si fa l'amara esperienza della sconfitta e lo sconforto prende il sopravvento. Momenti in cui viene quasi naturale alzare gli occhi verso Gesù Crocifisso, a volte bestemmiando o gridando tutta l'amarezza che si ha dentro, altre volte supplicandolo, presentandogli la propria struggente angoscia. Di certo, quando meno ce lo aspettiamo, Lui è lì a liberarci del nostro malessere interiore, a tirarci fuori dalla morte che abita nei cuori, "cambiando il nostro lamento in danza, la nostra veste di sacco in abito di gioia" (Sl 30,12).

Il documento finale del Sinodo dei giovani dice: "La vita dei giovani, come quella di tutti, è segnata anche da ferite. Sono le ferite delle sconfitte della propria storia, dei desideri frustrati, delle discriminazioni e ingiustizie subite, del non essersi sentiti amati o riconosciuti. Sono ferite del corpo e della psiche. Cristo, che ha accettato di attraversare la passione e la morte, attraverso la Sua croce si fa prossimo di tutti i giovani che soffrono. Ci sono poi le ferite morali, il peso dei propri errori, i sensi di colpa per aver sbagliato. Riconciliarsi con le proprie ferite è oggi più che mai condizione necessaria per una vita buona. La Chiesa è chiamata a sostenere tutti i giovani nelle loro prove e a promuovere azioni pastorali adeguate".

Ho trovato in una canzone di Ewin,The last poem, il toccante invito a venire fuori da quella morte interiore che procura tanto male a se stessi e agli altri. Dice: "Ti stai svegliando infastidita. Tu ti stai svegliando e mediti incessantemente: solo un altro giorno. Solo un altro giorno da superare. Lava via le tue lacrime. L'odio dietro i tuoi occhi deve sciogliersi. Ha bisogno di sciogliersi. Hai perso il tuo sorriso. Hai perso la voglia di lottare molto tempo fa. Molto tempo fa. La storia nei tuoi occhi deve sciogliersi, in modo che io possa toccare il tuo dolore e affievolirlo. Hai perso il tuo sorriso, hai perso la voglia di lottare. Molto tempo fa. Hai perso il tuo sorriso, hai perso la voglia di lottare. Di lottare, di lottare, lotta...

In questi due incontri, Gesù ci insegna quale è e come si deve vivere un'autentica   umanità: partecipare al dolore altrui, perseguendo strade che aiutino ad alleviarlo. Seguire Gesù in questa vita potenzia il nostro essere uomini e ci aiuta a guardare verso quella eterna.

1.1.         Tre giovani amici: Marta, Maria, Lazzaro al quale dice: vieni fuori! (Gv 11,1-45)

Sapevate che Gesù aveva degli amici dai quali si fermava ogni qual volta andava a Gerusalemme? Sono due sorelle, Marta e Maria e un fratello, Lazzaro. Abitavano in un villaggio, chiamato Betania, a non più di tre Km da Gerusalemme.A casa dei suoi amici andava volentieri per riposarsi, per mangiare e probabilmente anche per manifestare loro i momenti di scoraggiamento e di tristezza. Infatti, anche Gesù aveva bisogno di calore familiare e di amicizia. La casa dei suoi amici diventava luogo per rasserenarsi e sostare in pace.

In questa famiglia, in questa casa si coglie l'umanità di Gesù. Immaginiamolo con loro accanto al caminetto: mangia, racconta, ascolta, apre il suo animo, parla della sua missione, scherza. E tutto questo magari fino a tarda sera. E' veramente rassicurante questa umanità di Gesù. Non vi pare che ci assomigli?

Questo clima, come succede in tutte le famiglie prima o poi, viene improvvisamente turbato. La malattia prima e la morte dopo entrano in questa casa. Lazzaro muore. Quella casa non è più luogo di pace. Le urla, le lacrime, la gente che accorre per consolare le due sorelle o per curiosità. Sono conosciuti da tutti, così come è conosciuto Gesù, loro amico. Il dramma della morte non risparmia nessuno. Sia Marta che Maria, nel momento in cui sanno che il maestro sta arrivando, prima l'una e poi l'altra, corrono verso di lui, quasi per rimproverarlo che nel momento del bisogno Gesù era lontano da loro.

Lo sconforto e il dolore fanno dire all'amico che tanto amavano quello che probabilmente non volevano. E' quanto succede anche a noi quando siamo toccati nella carne, negli affetti più cari, sia che si tratti di un familiare che di un amico. Nonostante tutto, Marta e Maria non si lasciano travolgere dal dolore. Conservano gelosamente nel cuore e nella mente  gli insegnamenti di Gesù, si fidano di lui.

Franco Battiato in una sua canzone «L'ombra della luce», dice: «E non mi abbandonare mai... riportami nelle zone più alte, in uno dei tuoi regni di quiete... è tempo di lasciare questo ciclo di vite... e non mi abbandonare mai... perché le gioie del più profondo affetto e dei più lievi aneliti del cuore sono solo l'ombra della luce... ricordami come sono infelice lontano dalle tue leggi, come non sprecare il tempo che mi rimane... perché la pace che ho scritto in certi monasteri o la vibrante intesa in tutti i sensi in festa sono solo l'ombra della luce...».

E qui, carissimi giovani, si apre una scena incredibile. L'umanità di Gesù si esprime in tutta la sua pienezza: si commuove e piange a dirotto. Esattamente quello che succede ad ogni uomo. Una scena che ci fa comprendere come Dio, fattosi uomo in Gesù, soffre con noi, per noi, per il nostro dolore, la nostra angoscia.

Eppure, qualcuno potrebbe dire che sarebbe potuto intervenire ed evitare che morisse. La stessa cosa dicono i farisei. Il punto è proprio questo. Il Dio di Gesù Cristo non è il Dio "Bacchetta magica" che allontana dal dolore. Com'è tenero questo Dio che piange per me, per te, per ognuno di noi! A cosa servirebbe un Dio che risolva tutti i miei problemi? Gesù che piange, mostra il volto di Dio che manifesta la pienezza del suo amore. E' esattamente ciò di cui ognuno di noi ha bisogno nei momenti difficili della vita. La forza della sua vicinanza, del suo affetto, del suo amore quali dono per affrontare i momenti difficili e tristi della vita, conservando la pace interiore e la luce negli occhi.

Eppure ricordo quando tutti cantavamo «Dio è morto» di Francesco Guccini e interpretata anche dai Nomadi! Riprendo solo alcune frasi significative: «È un Dio che è morto: ai bordi delle strade; Dio è morto: nelle auto prese a rate; Dio è morto: nei miti dell'estate; Dio è morto... È un Dio che è morto: nei campi di sterminio; Dio è morto: coi miti della razza; Dio è morto: con gli odi di partito; Dio è morto. Ma penso che questa mia generazione è preparata a un mondo nuovo e a una speranza appena nata, ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi, Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni, e poi risorge. In ciò che noi crediamo: Dio è risorto; in ciò che noi vogliamo: Dio è risorto; nel mondo che faremo: Dio è risorto».

Il grido di Gesù, davanti alla tomba di Lazzaro, dice molto di più della risurrezione dai morti: "Lazzaro, vieni fuori!". Lazzaro rappresenta ognuno di noi e quel grido è rivolto a tutti noi. Ogni qual volta, in pellegrinaggio, mi sono recato a Betania e sono entrato nella tomba di Lazzaro, ho fatto scendere ognuno dei pellegrini in quella tomba, e ad ognuno di loro, chiamandoli per nome ho gridato, come Gesù: "Francesco, Miriam, Teresa..., vieni fuori!". Il senso? Ho spiegato che il Signore a tutti noi chiede di uscire dalle nostre tombe, dalle nostre tenebre, dall'angoscia, dallo sconforto che porta buio e tristezza nel nostro animo. Ma anche uscire dalle certezze che pensiamo di avere, da ogni forma di pregiudizio.

La risurrezione di Lazzaro ci insegna a rimettere la nostra esistenza nelle mani di Dio con il desiderio di vivere insieme agli altri, servendoli. La discesa nella tomba di Lazzaro e la pronta risposta a riemergere, ci ha fatti passare dal buio alla luce, dall'aria malsana all'aria pura, al calore del sole.

Che tristezza vedere tanti giovani vivere l'esistenza con la morte dentro, come dei sepolti vivi! A nessuno è preclusa la gioia di vivere, l'amore per le cose belle, l'entusiasmo per progetti d'amore. Tutto sarà possibile se anche noi, come Marta e Maria, saremo capaci di credere che Gesù, amico e fratello nostro, "è la risurrezione e la vita".

Eric Clapton ha composto un brano, «Tears in Heaven» (Lacrime in Paradiso), per la morte del figlio, che dice: «Sapresti dire il mio nome se c'incontrassimo in Paradiso, sarebbe tutto come prima se c'incontrassimo in Paradiso, ma io devo essere forte e continuare ad andare avanti perché so di appartenere al Paradiso...».

 1.1.         Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua! (Lc 19,1-10)

1.1.         Tre giovani amici: Marta, Maria, Lazzaro al quale dice: vieni fuori! (Gv 11,1-45)

Sapevate che Gesù aveva degli amici dai quali si fermava ogni qual volta andava a Gerusalemme? Sono due sorelle, Marta e Maria e un fratello, Lazzaro. Abitavano in un villaggio, chiamato Betania, a non più di tre Km da Gerusalemme.Leggendo i Vangeli ci si rende sempre più conto di come Gesù non ha preferenze. Gli interessa l'uomo in quanto tale: povero, ricco, analfabeta, istruito, contadino, impiegato...

Zaccheo, per esempio, viene presentato come un pubblicano ricco che sta al banco delle imposte. Nello stesso tempo è curioso di vedere Gesù. Chissà perché l'evangelista Luca dice che "era basso di statura". E' solo un problema di altezza, di centimetri? Per la posizione che occupa si sente importante, sta in alto nella categoria delle persone titolate. Però è basso di statura. La sua arroganza e prepotenza, che lo rendono odioso agli occhi della gente, lo fanno diventare piccolo. E' un piccolo uomo, insignificante, nonostante stia in alto nella gerarchia degli uomini.

E' un uomo abituato a stare in alto e, quando sente che sta passando Gesù, sale sul sicomoro per vedere Gesù, guardandolo dall'alto verso il basso. Di certo sperava di incontrare lo sguardo di Gesù. Viene accontentato.

Carissimi giovani, in mezzo a tutta la folla che lo invoca, lo tocca, Gesù cerca il suo sguardo, i suoi occhi si alzano verso l'albero del sicomoro sul quale c'è Zaccheo. Non è il pubblicano che invita Gesù a casa sua. E' esattamente il contrario. Il maestro si autoinvita: "Zaccheo scendi in fretta perché oggi nella tua casa è necessario per me rimanere". Scese subito e lo accolse con gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: "E' andato ad alloggiare in casa di un peccatore!". Ma Zaccheo alzatosi, disse al Signore: "Signore io dò ai poveri la metà dei miei beni e se ho rubato a qualcuno gli restituisco il quadruplo". Gesù gli rispose: "Oggi, la salvezza è entrata in questa casa, perché anch'egli è figlio di Abramo".

Una scena bellissima che vorrei, se pur brevemente, analizzare meglio, sottolineando questi elementi:

1.     Gesù vuole entrare nella realtà della vita, soprattutto in quella di voi giovani. Chiede di uscire dalle formalità che caratterizzano i rapporti umani, spesso anche quelli con Dio, caratterizzati da formalismi religiosi che non fanno crescere e non facilitano un rapporto vero, autentico.

2.     E' difficile che siamo noi a prendere l'iniziativa, a cercarlo. Lo cerchiamo   nei momenti di bisogno, chiedendo un intervento magico piuttosto che un aiuto nel risolvere le problematiche della vita, leggendole attraverso i suoi occhi. Diciamoci la verità: siamo gelosi delle nostre cose, anche di quello che pensiamo. Gesù guarda soprattutto voi giovani, alzando gli occhi per cercarvi nei luoghi dove vi siete arrampicati. Prende l'iniziativa. Chi si rende conto della sollecita attenzione di Dio verso l'uomo, fa esperienza di quanto la distanza tra Gesù e noi si riduca.

3.     L'incontro con Gesù comporta un cambiamento radicale. Se penso alla mia vita,  spesso ho dovuto cambiare i miei progetti: volevo fare il medico dei corpi e curare la sofferenza e Gesù mi ha chiesto di curare le anime e altro tipo di sofferenza; dovevo andare a fare il parroco nella Cattedrale di Crotone e mi ha chiesto di essere vescovo nell'Arcidiocesi di Matera - Irsina. Giusto per citare l'inizio e il presente.

4.     Chi incontra realmente Gesù cambia radicalmente. La conversione non si vede nell'incominciare ad andare in chiesa, a recitare qualche preghiera o a prestare qualche servizio in parrocchia. Il cambiamento si coglie nel fatto che si incomincia ad investire mirando alla promessa fatta da Gesù: la vita eterna. Ormai Gesù è entrato in casa. Zaccheo non si cura, come d'altronde Gesù, dei giudizi degli altri. Incomincia a parlare lo stesso linguaggio: dare tutto quello che si ha, tutto se stessi per aiutare concretamente.

Alla luce di queste considerazioni, carissimi giovani, vi dico: non abbiate paura di accogliere Gesù nella vostra vita, di farlo entrare nel vostro cuore e renderlo partecipe dei vostri segreti più intimi. Non abbiate paura di cambiare. Se dovesse succedere sarete più contenti. Non ha bisogno di discepoli tristi e angosciati.

A volte ci sono giovani, adulti che non riescono a dare senso al loro vivere. Gesù viene ed entra in tutto ciò che sembra ormai compromesso, perduto, nelle scelte di vita sbagliata. Perché lo fa? Per valorizzare chiunque si senta additato, giudicato, ammonito dai facili moralisti di turno.

Dice un grande della canzone italiana, Nek: «La fede e l'anima non sono visibili, ma nessuno può negare la loro esistenza e importanza così come nessuno può negare quell'amore che dovrebbe regolare il comportamento di tutti gli abitanti di questo nostro mondo». Tra i suoi testi c'è questa frase: «Una stella di giorno / non si vede ma c'è / E nel buio di notte / anche il cielo è / Invisibile». E ancora, a proposito della fede dice: «Prima ero un po' tiepido con Dio, mentre ora provo sempre più il bisogno di non sentirmi solo. Il mio rapporto con la religione è un cammino continuo; un continuo conoscere, conoscersi, accettarsi,  capire i propri limiti. A volte ci si riesce, altre no, si cade, ci si rialza, ma l'importante è andare avanti. Per capire il posto che la fede occupa nella mia vita non mi sono limitato a leggere il Vangelo, ma ho voluto toccare con mano; sono andato a Medjugore, ma pure nelle comunità per capire perché una persona che magari ha smarrito la sua dignità la ritrova attraverso un'esperienza di fede».

Chissà quante volte abbiamo ascoltato il famoso brano di Renato Zero "Più su", eppure non tutti avranno colto che il cantante sta dialogando con Dio: "E poi più in alto, e ancora su fino a sfiorare Dio e gli domando io: «Signore, perché mi trovo qui se non conosco amore?»

Chiudo questa riflessione lasciando ancora la parola a Renato Zero che con semplicità e candore dice: «La mia fede mi porta a vedere il Cristo dappertutto: un falegname, un idraulico. Tutti gli uomini portano Gesù nel cuore. Ci ha detto che Dio va cercato dentro di noi, non altrove. È forse per questo che la mia mente resta aperta a qualunque soluzione (...) Tutto questo si riassume con il precetto: "Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te". Mettere in pratica queste parole limiterebbe l'intemperanza e la violenza».

Come Zaccheo, come Nek, come Renato Zero, non bisogna avere paura di Gesù che passa. La vita cambia in positivo, in meglio. Si diventa protagonisti nella storia che viviamo. Si avverte l'urgenza di nuovi "Zaccheo" che s'impegnino nel mondo della politica. Non basta cambiare i volti ed essere animati da buoni propositi. Uomini liberi, capaci di lasciarsi formare al servizio della vita pubblica. Politici che vogliono progettare e realizzare il bene di un territorio che ha bisogno di essere bonificato, salvaguardato e non sfruttato a danno della collettività. Uomini impegnati nel sociale che promuovano un tavolo di idee che, sotto forma di cooperative o altro, mettano fine alla mortificazione dei tantissimi altri giovani costretti a lasciare la nostra bellissima terra per un posto di lavoro.

1.1.            Saulo, Saulo, perché mi perseguiti? (Gal 1, 13-24; Fil 3,3-9 At 9,1-20).

La storia del giovane Saulo è singolare e affascinante. Dal giorno in cui incontrò Gesù la sua vita cambiò radicalmente. Cambiò anche il nome: non più Saulo ma Paolo.

Ma chi era Saulo? Un vero nemico per la Chiesa nascente. Essendo un ebreo cresciuto ed istruito nella Legge alla scuola di Gamaliele, viveva la sua fede, diremmo oggi, in modo integralista: perseguitava accanitamente i cristiani. Non a caso si reca a Damasco con la missione di arrestare tutti coloro che si facevano battezzare e diventavano cristiani. Proprio in quest'occasione fu all'improvviso abbagliato da una grande luce mentre una voce gli diceva: "Saulo, Saulo, perché mi perseguiti!".

Approfondiamo questo momento che cambiò la vita di questo giovane molto religioso, contestatore e integralista.

1.     Paolo era convinto di essere nel giusto perché così era stato educato: osservare le leggi e rimanere fedele alle tradizioni. In nome di queste sue convinzioni non accettava altro tipo di confronto. Nessuno avrebbe mai potuto distoglierlo o fargli cambiare idea.  

2.     C'era bisogno di un incontro diretto, con un avvenimento che lo scuotesse improvvisamente. E infatti l'incontro con Gesù Cristo assume le caratteristiche di una devastazione in tutti i sensi: si ritrova improvvisamente a terra (quante volte nella vita ci siamo trovati per terra e abbiamo magari detto: mi sento a terra con tutte quattro le ruote).

3.     Chissà cosa avrà pensato in quel momento: lui, certo delle sue convinzioni, del suo incedere sicuro nella vita, si ritrova per terra. L'immagine del calzino che viene capovolto forse può rendere l'idea: è stato capovolto completamente.

2.     In cosa consiste questo cambiamento? Da persecutore diventa perseguitato, da nemico diventa amico di Gesù, consegnandogli la sua vita per servirlo. Diventerà l'apostolo delle genti e a Lui dedicherà tutta la vita.

3.     Paolo, nel momento in cui ha capito che stava sbagliando, si è saputo mettere in discussione. Si rende conto che non è più quell'uomo perfetto, con principi morali, etici, religiosi sani. Da questa consapevolezza scaturisce quell'entusiasmo che lo fa essere sempre più innamorato di Cristo e della Chiesa, pur riconoscendo limiti sia negli apostoli che nei fedeli.

Da quanto detto capiamo, carissimi, che il giovane Saulo già credeva e serviva Dio con grande zelo. Il cambiamento avrebbe riguardato la prospettiva del rapporto con ciò in cui già credeva.

Saulo serviva Dio ma in modo sbagliato. Era intollerante nei confronti di chi professava un'altra fede, fortemente integralista. E voi sapete che queste forme di religiosità sono le più pericolose perché non portano a Dio e non fanno incontrare gli uomini tra di loro. E' lo stesso desiderio di sangue, di spettacolo della morte che gira sui social, seminando terrorismo psicologico. Saulo si era messo a capo di questa "guerra santa" contro i cristiani. La sua conversione si coglie anche nel nuovo nome che assume: Paolo di Tarso.

 Riconosce la presenza di Cristo che lo libera da una falsa interpretazione di Dio e del suo insegnamento e lo porta ad annunciare lo stravolgente messaggio del Vangelo. Questa è la vera rivoluzione che cambierà per sempre la storia dell'umanità, che cambia oggi la vita di ognuno che si lascia incontrare da Gesù sulla strada che sta percorrendo.

Carissimi giovani, sentite cosa dice la popolare blogger cattolica americana Jennifer Fulwiler racconta la storia della sua conversione: "Riconoscevo la verità per cui la vita era senza senso, e tuttavia continuavo ad agire come se la mia vita avesse senso, come se tutta la speranza e tutto l'amore e la gioia che avevo sperimentato fossero qualcosa di reale, qualcosa di più di un miraggio prodotto dagli elementi chimici presenti nel mio cervello. Il suicidio mi era passato per la testa - non perché fossi depressa nel senso comune del termine, ma semplicemente perché sembrava che non fosse altro che affrettare l'inevitabile... Avevo sempre considerato Gesù una sciocca favola. Un pomeriggio, poco dopo aver finito il libro, sono stata colta di sorpresa da un pensiero: e se fosse vero? E se ci fosse davvero un Dio?

Volevo mettere da parte quei pensieri, ma non ci riuscivo. Tutto ciò che dovevo fare, mi dicevo, era conoscere un po' di più il cristianesimo per notare le ovvie mancanze nella sua teologia e poter poi andare avanti... Ho scoperto che le leggi della Chiesa, che una volta percepivo come una serie di leggi limitanti, erano regole d'amore. Tutto questo ha cambiato in meglio me, la mia vita, il mio matrimonio".

3.     Concludendo

Carissimi giovani, al termine di questo percorso, mi piacerebbe condividere le vostre riflessioni, i commenti, le perplessità. Vi consegno queste mie considerazioni, cosciente che voi siete l'oggi di Dio, della Chiesa, del mondo.

Nel documento finale del Sinodo dei giovani, proprio al termine viene detto: "È stato chiaro fin dall'inizio del percorso sinodale che i giovani sono parte integrante della Chiesa. Lo è quindi anche la loro santità, che in questi ultimi decenni ha prodotto una multiforme fioritura in tutte le parti del mondo: contemplare e meditare durante il Sinodo il coraggio di tanti giovani che hanno rinunciato alla loro vita pur di mantenersi fedeli al Vangelo è stato per noi commovente; ascoltare le testimonianze dei giovani presenti al Sinodo che nel mezzo di persecuzioni hanno scelto di condividere la passione del Signore Gesù è stato rigenerante. Attraverso la santità dei giovani la Chiesa può rinnovare il suo ardore spirituale e il suo vigore apostolico. Il balsamo della santità generata dalla vita buona di tanti giovani può curare le ferite della Chiesa e del mondo, riportandoci a quella pienezza dell'amore a cui da sempre siamo stati chiamati: i giovani santi ci spingono a ritornare al nostro primo amore" (cfr. Ap 2,4).

Vorrei chiudere con l'invito di un cantautore che ha fatto la storia della canzone italiana e che io ho sempre considerato tra i più bravi. E' amato da diverse generazioni ed è impossibile non cantare i suoi testi così pieni di vita. Sto parlando di Renato Zero. In una delle tante interviste dice: "Questa non è soltanto un'icona. A me m'ha dato tanto Gesù, soprattutto Gesù più che Dio, perché Gesù era un uomo, era vulnerabile. Dio è molto in alto, molto irraggiungibile, ma Lui è venuto, pensate, fino a qui. Ricordatelo ogni tanto come faccio io nelle mie canzoni."

Nell'attesa di incontrarvi, vi abbraccio e benedico.

Don Pino

 

 

Redazione on line
28 novembre 2018 09:23