Martedi, 19 giugno 2018

Incontro ordine commercialisti

 

SAVE THE DATE: 13 febbraio 2018: oltre 1.500 Commercialisti, provenienti da tutti i 131 ordini territoriali d'Italia, s'incontrano a Roma per discutere sulla complessità del sistema tributario, costi degli adempimenti fiscali e ruolo della categoria

Anche l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Matera, oggi, 13 febbraio 2018, sarà a Roma, presso il Convention center - La Nuvola,per prendere parte agli Stati generali della professione dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, organizzati dal Consiglio nazionale della categoria in collaborazione con le Casse di previdenza dei Commercialisti e dei Ragionieri.

Dopo la relazione introduttiva, nel corso della quale verranno illustrati i risultati di due ricerche della Fondazione nazionale dei commercialisti, incentrate rispettivamente sull'enorme proliferazione normativa fiscalee sull'aumento dei costi degli adempimenti fiscali per imprese e professionisti, il Presidente nazionale dei commercialisti, Massimo Miani presenterà le proposte fiscali della professione alla politica per la prossima legislatura.

Per la politica interverranno i ministri Andrea Orlando e Beatrice Lorenzin, il viceministro Luigi Casero, Renato Brunetta (Forza Italia), Chiara Gribaudo (PD), Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia), Matteo Salvini (Lega) eEnrico Zanetti (Noi con l'Italia).

"Siamo di fronte - dichiara Miani - ad un vero e proprio ginepraio normativo e applicativo, difficile da gestire e da interpretare, che costringe gli studi professionali a lavorare, il più delle volte, in condizioni di emergenza, con disagi che si ripercuotono ingiustamente sui contribuenti".

"Il nostro auspicio - conclude il presidente dei commercialisti - è che la legislazione in materia fiscale torni finalmente a mettere al centro dell'attenzione i principi fondamentali dello Statuto dei diritti del contribuente, in modo da realizzare un sistema fiscale caratterizzato da maggiore stabilità e certezza, con adempimenti a carico dei contribuenti più semplici e ridotti nel loro numero, così da restituire anche a noi professionisti condizioni di lavoro dignitose nell'assolvimento delle nostre funzioni in ambito fiscale".

 

 

 

 

 

Redazione on line
16 febbraio 2018 10:33