Venerdi, 24 novembre 2017

Anci: netto no al deposito scorie nucleari in Basilicata

anci1

 

ANCI BASILICATA: TUTTI I COMUNI LUCANI PROTAGONISTI DI MATERA-BASILICATA 2019    NETTO NO AL DEPOSITO SCORIE NUCLEARI IN BASILICATA

Il Consiglio Direttivo dell'Anci Basilicata riunito a San Fele (PZ) il 5 settembre ha definito gli aspetti programmatici e organizzativi della prossima Assemblea Regionale degli amministratori locali lucani che si terrà nei primi giorni del prossimo mese di ottobre. Come già è accaduto l'anno scorso l'Anci ha scelto un tema su cui concentrare le riflessioni dei sindaci e degli amministratori. Quest'anno l'Anci ha deciso di riproporre e rilanciare il tema della partecipazione di tutti i Comuni lucani alla grande sfida di Matera-Basilicata 2019. Il Consiglio Direttivo si è tenuto nel Comune di  San Fele proprio per sottolineare la volontà di promuovere l'azione necessaria che porti al massimo coinvolgimento della piccole e grandi comunità nel programma Capitale Europea della Cultura.

Si tratta di riprendere in modo forte e impegnativo il lavoro che vide già protagonista l'intera comunità regionale per raggiungere l'ambito traguardo di Matera Capitale Europea della Cultura. "Vogliamo costruire nei prossimi mesi - ha detto il Presidente dell'Anci Salvatore Adduce - un vero programma di condivisione e partecipazione dei Comuni lucani con il Comune di Matera, con la Regione e con la Fondazione Matera-Basilicata 2019 sui temi della cultura e del turismo come occasione storica per tutto il territorio".

Il Direttivo ha valutato anche le questioni inerenti alla recente pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi e della conseguente valutazione ambientale strategica (VAS). Si tratta della ben nota questione della realizzazione del deposito unico nazionale dei rifiuti radioattivi. L'Anci esprime la più ferma contrarietà alla realizzazione del deposito nel territorio della Basilicata confermando tutte le valutazioni negative già espresse in altre occasioni a cominciare dal novembre 2003, allorquando con un Decreto legge il Governo individuò Scanzano Jonico come sito unico per la realizzazione del deposito. L'Anci ha condiviso tale posizione nell'incontro organizzato dall'Assessore Regionale all'ambiente Francesco Pietrantuono con i Sindaci e le Associazioni presenti e trasmetterà ufficialmente  al Ministero dell'Ambiente le sue osservazioni nell'ambito procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) - art.14 co.3 D.Lgs.152/2006 e s.m.i. utilizzando i contenuti del documento predisposto dall'Associazione Antinucleare "ScanZiamo le Scorie" che sono stati estrapolati dal documento di osservazioni alla VAS sul Programma Nazionale dei rifiuti radioattivi elaborato dalla "Commissione Scientifica sul Decommissioning nucleare" presieduta dal Professor Massimo Scalia e Professor Giorgio Parisi. L'Anci invita tutti i Sindaci della Basilicata a presentare lo stesso documento "Osservazioni" entro il 13 settembre 2017 condividendolo con le Giunte e i Consigli Comunali.

Il Direttivo ha infine deciso di sostenere l'iniziativa che ha consentito la realizzazione a San Fele del grande monumento dedicato ai nostri emigranti in ogni parte del mondo con la sottoscrizione di un contributo di 1.000 euro. L'Anci invita i Sindaci e le Amministrazioni Comunali della Basilicata a fare altrettanto.

 

 

Redazione on line
05 settembre 2017 17:17