Venerdi, 24 novembre 2017

Ultima notte… sognando a quel paese

barra-santamaria a colobraro

Ultima grande serata tra "Magico e fantastico" a Colobraro. "Il sogno di una notte a quel paese", venerdì 1 settembre, è pronta a regalare ancora divertimento e tanta fortuna a chi avesse fatto passare agosto senza fare neanche un salto al "paese che non si può nominare". Il percorso teatrale itinerante, che racconta in maniera autoironica l'origine della cattiva nomea di Colobraro, si snoderà tra le vie dell'antico borgo con spettacoli continui dalle 18 alle 22. Unica avvertenza, prima di avventurarsi in questo "fascinoso" viaggio tra masciare, monachicchi, lupi mannari e persino un intrigante antropologo, è di munirsi del "cingiok", il potente amuleto anti-malocchio confezionato con tre chicchi di sale contro la scaramanzia, tre di grano simbolo di fertilità, tre aghi di rosmarino per combattere gli spiriti maligni e favorire amore e bellezza, fiori di lavanda simbolo di virtù e serenità. E gli incontri straordinari che possono farsi a quel paese possono essere anche sorprendentemente piacevoli come ha saputo egregiamente documentare l'inviato del programma di Rai1 "La vita in diretta". L'impavido Giuseppe Di Tommaso, in barba alle dicerie su Colobraro, non solo è riuscito a concludere il collegamento con lo studio senza alcun intoppo, ma poi non ha avuto nessun timore a recitare la parte del morto nella scena conclusiva del Sogno. E, ovviamente, grazie alla benevola intercessione di San Carpanazzo è riuscito anche a resuscitare. A sfidare le leggende nefaste su Colobraro anche una coppia vip tutta lucana: la giornalista Francesca Barra e l'attore Claudio Santamaria. I due, dopo essere usciti allo scoperto lo scorso 2 luglio alla Festa della Bruna a Matera, si sono fatti vedere insieme ancora una volta in Basilicata, proprio a quel paese. In barba alla scaramanzia, Francesca e Claudio, confusi tra i tanti visitatori, hanno assistito divertiti allo spettacolo teatrale itinerante. L'amore sbocciato tra i due, a quanto pare, è più forte della paura che Colobraro possa portare davvero sfiga. Allora cosa aspettate? Se non ci siete ancora stati, il 1 settembre, andate a quel paese... 

Redazione on line
01 settembre 2017 17:09