Venerdi, 24 novembre 2017

Alberto Ruiz Buenfil dona a Matera la bandiera della pace

ruz_bandiera

 

ALBERTO RUZ BUENFIL DONA A MATERA LA BANDIERA PER LA PACE 

Si terrà mercoledì 2 agosto alle 10 nella sala Mandela la cerimonia di consegna della Bandiera della  Pace nella Cultura e la Carta per i diritti della Terra che Alberto Ruz Buenfil consegnerà al sindaco Raffaello de Ruggieri.

Ruz proseguirà la sua giornata materana, alle 19, con un incontro-dibattito nello spazio Agoragri dell'associazione  Agrinetural, tra via dei Normanni e viale Italia.

Alberto Ruz è figlio del celebre archeologo che scoprì la tomba di Pacal Votan a Palenque, in Messico, considerata la più importante della storia dell'archeologia e nipote di Fidel Castro.

Autore di numerosi libri, artistiva (ovvero artista attivista) è fondatore del più antico ecovillaggio delle Americhe che ha promosso attraverso la Carovana Arcobaleno per la Pace, fondata più di 20 anni fa.

Da due anni è impegnato nella promozione e diffusione della Carta dei Diritti della Terra.

Al sindaco di Matera donerà la Bandiera della Pace nella Cultura che si inserisce nell'ambito del tour internazionale che l'attivista sta promuovendo e della   raccolta di firme per chiedere di riconoscere  la natura come essere vivente.  

*************************

ALBERTO RUZ AL COMUNE. CONSEGNATE AL SINDACO LA BANDIERA DELLA PACE NELLA CULTURA E LA CARTA DEI DIRITTI DELLA TERRA  

La bandiera della Pace nella Cultura sventolerà presto a Matera.

Lo ha assicurato oggi il sindaco Raffaello de Ruggieri che ha incontrato l'attivista messicano Alberto Ruz Buenfil per questa speciale consegna donata a Matera insieme  alla Carta dei diritti della Terra.

Insieme a lui c'erano Andrea Stella dell'associazione Yogamata di Matera, una delle associazioni promotrici della giornata di incontri con Ruz (insieme a Casa Netural, Agrinetural, Al Jalil, L'Albero di Eliana, La Spada nella Roccia, Falco Naumanni, Bottega giù al Nord e Alba Lucana)  e l'avvocato Antonio Giacchetti di Bari, coordinatore del Movimento mondiale di Pace per il cambio di calendario.

Aprendo l'incontro Andrea Stella ha illustrato la biografia di Alberto Ruz, coordinatore del primo Forum mondial per i Diritti di Madre terra, scrittore, ecologista, artivista e protagonista di un documentario ancora in fase di realizzazione "Un  altro mondo".

"Oltre ai diritti umani  - ha ricordato ancora Stella - ci sono quelli della Terra, come sostenuto proprio da Ruz con cui parleremo questo pomeriggio nello spazio Agoragri in via dei Normanni".

L'avvocato Giacchetti ha sottolineato: "Conosco Alberto Ruz da quasi 20 e con il regista Tomas Torelli abbiamo promosso questo tour che ci ha portato in una dozzina di città italiane a cui abbiamo consegnato la Bandiera e la Carta dei diritti della Terra. Sotto il profilo legale, questo documento sancisce un concetto fondamentale: la Terra è un essere vivente. In America Latina, in Ecuador, in Bolivia il testo è stato approvato, promuovendo leggi-quadro che implementano i principi della Carta. Dobbiamo passare da un paradigma antropocentrico a uno ecocentrico, dall'uomo alla terra".

Alberto Ruz ha spiegato la sua scelta attivista sciale e ambientale: "Vivo da 35 anni in un ecovillaggio e faccio parte del Movimento Diritti di Madre Terra Messico che fa parte di una rete composta da altri movimenti mondiali che si sono incontrati nel 2012 a Rio de Janeiro, per promuovere un Movimento globale. Reti e organizzazione in tutto il mondo cominciano a capire l'importanza dell'evoluzione degli essere umani che non possono considerarsi separati dalla Natura. Culture originarie come la mia continuano a pensare alla Terra come un essere vivente, ma la globalizzazione e la legislazione che ne consegue,  continuano a parlare di ambientalismo come di una forma che consente agli essere umani di continuare a sfruttare la natura.

Senza la Terra, invece, noi non ci siamo; siamo gli ultimi ad essere arrivati nel cammino dell'evoluzione della terra. In poco tempo, con le nostre azioni, stiamo mettendo in pericolo - ha proseguito - la nostra sopravvivenza. Matera, che sarà Capitale europea della Cultura, rappresenta un luogo e un momento storico molto importante che potranno garantire adeguata visibilità alla nostra proposta già presentata alle Nazioni Unite nell'ambito del Movimento Harmony Nature che riunisce persone di tutto il mondo". La bandiera della Pace è stata relizzata da un artista russo, Nicholas Roerich  (che fu promotore del Patto Internazionale della Pace)  che simboleggia, nel primo cerchio con il concetto del tempo su passato, presente e futuro e, nel secondo cerchio, quello della spiritualità con arte, scienza e cultura".

Il sindaco Raffaello de Ruggieri ha ricordato le sue origini di attivista, nel contesto territoriale, con la fondazione che lo vide protagonista e  ha aggiunto: "Questa bandiera contiene un messaggio impegnativo in particolare per questa città che nelle sue radici e nel mio dna  ha il rispetto della terra. A conferma del mio impegno ricordo che nel 1978 fu promossa la Carta di Matera e dei Sassi insieme allo scultore Pietro Consagra. Esiste, dunque, un legame con i temi ambientali forte, nel tempo.

Le Tavole di Heraclea, ritrovate a fine '700, ad esempio, riportano una articolata normativa ecologica nella conduzione dei terreni che venivano assegnati ai coloni in cui si parla del rispetto della terra, della pulizia dei canali  di scolo e  delle rotazioni agrarie.

Il messaggio di rispetto della natura e dei temi ecologici è fondamentale per la nostre  comunità, a cui rivolgo un appello affinchè si tramandino questi temi. Viviamo in un luogo in cui una geologia esistenziale come i Sassi, rappresenta uno spazio genografico che si è fatto storia".

 

 

 

 

 

 

Redazione on line
27 luglio 2017 10:41