Martedi, 21 novembre 2017

Amici di Piccianello....e la storia continua

IMG-20170504-WA0006

 

E sono quattro! L'atteso incontro annuale tra gli ex-ragazzi di Piccianello c'è stato anche quest'anno. E ancora una volta le emozioni già provate nelle precedenti occasioni non sono mancate. Anche perché ai sempre presenti si sono aggiunti volti nuovi e ben graditi. Volti dalle sembianze un po' diverse rispetto a quelli del tempo passato, ma certamente animati sempre dallo stesso spirito e dalla stessa voglia dello stare insieme. Storie e sentimenti d'altri tempi che le nuove e attuali generazioni con ogni probabilità forse non sapranno mai apprezzare se non riusciranno a comprendere il senso di un'amicizia vera e spontanea. Come quella vissuta da noi, sebbene in un'epoca passata, nel segno della genuina gioventù dove i veri valori di vita avevano una significativa particolarità. Uno delle considerazioni più rilevanti dopo questa ennesima occasione d'incontro è quella che induce a pensare di aver perso forse un po' troppo tempo prima di avviare queste emozioni in comune e in buona compagnia. E' pur vero che l'età avanza per tutti, ma l'animo di ognuno di noi sembra di non volere invecchiare, di voler cancellare dalla memoria gioie e affanni quotidiani, di voler riportare, almeno per un giorno, i nostri ricordi a quei bei tempi passati nel nostro amato rione. Una giornata, insomma, vissuta in maniera intensa come se gli anni trascorsi nel frattempo non siano passati invano o quanto meno che siano tali da intaccare quella volontà del rivedersi anche se per poche ore. Ancora una volta occorre ringraziare per la nuova opportunità creata grazie all'impegno di Tonio e Cenzino Epifania, perseveranti e preziosi nel loro impegno di voler rendere l'incontro armonioso e piacevole, nonché per l'oramai pregevole iniziativa di voler rendere partecipe le gentili consorti. Un particolare plauso va doverosamente anche a loro che, pur non avendo vissuto le stesse giovanili emozioni  del quartiere come noi, accettano la compagnia di questi ex-giovani di riflesso e con grande dedizione. Il rituale della giornata ha avuto inizio come di consueto presso l'ingresso dello stadio materano per il primo contatto tra vecchi e nuove presenze, per le prime emozioni del rivedersi e ritrovarsi e per i primi nostalgici ricordi. E' pur vero che nel corso di questi primi anni alcuni amici, per ragioni del tutto condivisibili, non hanno ritenuto di ritornare, ma è anche vero che nuovi amici hanno inteso partecipare all'incontro. E' anche vero, inoltre, che il nostro pensiero non può prescindere dal dolce ricordo di altri amici che non sono più tra di noi, ma che rimarranno sempre nei nostri pensieri. La giornata è proseguita poi in maniera conviviale  presso un ristorante con una lunga tavolata e con un menù di buon gusto e con della buona musica, in particolare dei fatidici anni sessanta, che ha allietato il pranzo. Ad ognuno dei partecipanti è stato consegnato un omaggio, consistente in un'opera grafica di Giuseppe Di Pede. Ancora una volta, occorre dire, il duo-Epifania ha colto nel segno! Nel corso dell'incontro si è tentato, in qualche modo, di rendere partecipi gli attuali cittadini materani o anche coloro che ora vivono altre realtà in comuni diversi al significato che la città di Matera avrà o dovrà avere nel 2019 quando rivestirà la carica di Capitale Europea della Cultura. Opinioni che, si spera, potranno essere ribadite anche nelle prossime occasioni d'incontro con l'approssimarsi del fatidico anno 2019. Rimane valida anche la proposta avanzata, ma ancora non accolta in concreto sinora, dell'invio da parte di chi lo vorrà fare di un episodio vissuto nel corso degli anni trascorsi,  nei mitici anni nel rione Piccianello, per poterli raccoglierli in una pubblicazione che potrà rimanere tra i nostri più cari ricordi e, magari, anche come esempio di vita vissuta per le future generazioni. Se qualcuno vorrà aderire a questa iniziativa può inviare anche via e.mail all'indirizzo che vi è stato indicato. Che dire, infine, se non ribadire ancora una volta con forza quella scritta riportata sulla torta: Amici di Piccianello! Ad maiora!

 

 

Nino Grilli
17 maggio 2017 10:28